Il risultato è straordinario perché i pezzi erano tutti associati e nel contesto, il che ci permette di capire i rituali dello stato di Tiwanaku.

Il lago Titicaca ha ospitato sofisticate cerimonie religiose 500 anni prima dell'arrivo degli Incas, secondo un nuovo studio.

Un insieme di straordinari reperti e resti trovati vicino a Isla del Sol, sul lato boliviano del lago, indicano che la religione organizzata è emersa nella regione molto prima di quanto si pensasse in precedenza.

"Spesso le persone associano Isla del Sol agli Incas perché era un importante luogo di pellegrinaggio per loro e hanno lasciato lì edifici cerimoniali e offerte", ha detto l'archeologo boliviano José Capriles, professore di antropologia presso la Pennsylvania State University negli Stati Uniti.

Capriles è uno degli autori dello studio che è stato appena pubblicato sulla rivista dell'Accademia delle scienze degli Stati Uniti, PNAS per il suo acronimo in inglese.

Gli Incas arrivarono in quella regione solo intorno al XV secolo, disse l'archeologo.

"La nostra ricerca mostra che gli abitanti dello stato di Tiwanaku, che si svilupparono nel lago Titicaca tra il 500 e il 1100 d.C., furono i primi a fare offerte di valore alle divinità religiose".

 

Barriera strategica


Il team scientifico è stato guidato da Christophe Delaere, ricercatore presso il Center for Maritime Archaeology presso l'Università di Oxford e la Libera Università di Bruxelles, e autore principale dello studio.

Gli archeologi hanno utilizzato apparecchiature di fotogrammetria sonar e subacquea per scansionare il sito del ritrovamento, il Khoa Reef, vicino alla costa nord-occidentale di Isla del Sol, a una profondità di oltre cinque metri.

Gli archeologi hanno utilizzato apparecchiature di fotogrammetria sonar e subacquee per scansionare la barriera corallina di Khoa.

 

"La barriera corallina di Khoa si trova in una posizione strategica, quasi nel centro geografico del lago, e quindi era strategica in termini di consolidamento del controllo geopolitico dell'intera regione, qualcosa che solo Tiwanaku poteva fare", ha spiegato Capriles a BBC World.

"Prima dell'emergere di Tiwanaku, la riva del lago era occupata da comunità articolate nei domini e nei domini di influenza molto limitata".

Per Capriles, la scoperta è preziosa non solo per la molteplicità delle offerte eccezionalmente ben conservate.

"Questa scoperta è straordinaria perché questi pezzi erano tutti associati e nel contesto, il che ci permette di accedere al comportamento rituale della società che ha prodotto queste offerte e la loro importanza cerimoniale", ha detto l'archeologo boliviano.

 

Incensieri a forma di puma


La maggior parte dei risultati corrisponde al periodo di espansione e consolidamento dello stato di Tiwanaku.

Tra le offerte c'erano un gran numero di pezzi d'oro, incensieri in ceramica a forma di puma, un animale sacro, oltre a miniature di conchiglie e lapidari (pietre preziose), disse Capriles.

"Sottolineano un medaglione d'oro con la rappresentazione iconografica del personaggio centrale con appendici che si irradiano dal suo volto, suggerendo che potrebbe essere collegato al sole".

Tra le offerte c'erano un gran numero di pezzi d'oro, così come incensieri in ceramica a forma di puma, un animale sacro.

"Ci sono anche conchiglie e statuette fatte in Spondylus, una valvola che al momento vive solo nelle calde acque dell'Oceano Pacifico dell'Ecuador a nord, cioè a diverse centinaia di chilometri dal Lago Titicaca", ha detto il ricercatore alla BBC Mundo.

Il ritrovamento comprende anche resti scheletrici di numerosi lama principalmente giovanili che probabilmente furono macellati come parte dei rituali.

Per Delaere, la scoperta lascia intravedere "uno dei vantaggi dei lasciti sottomarini".

"Il lago Titicaca protegge i materiali delle sue antiche culture dal tempo e dalle interferenze dell'uomo, e così tanti artefatti di questa qualità non sono mai stati scoperti prima."

 

Élite e chierici


Cosa ci dicono questi oggetti sullo stato di Tiwanaku e sull'importanza dei suoi rituali?

"Tutti questi oggetti nel contesto ci permettono di capire che le élite ed i chierici di Tiwanaku praticavano rituali costosi, consumo cospicuo e privato (la barriera era molto difficile da accedere) come parte del processo di formalizzazione della religione come istituzione sociale", ha detto Capriles a BBC World.

Le élite ed i chierici di Tiwanaku praticavano rituali costosi, consumi cospicui e privati (il reef era molto difficile da accedere), secondo l'archeologo boliviano José Capriles.

 

La scoperta ci permette di intravedere "che le élite di Tiwanaku stavano facendo offerte costose nel centro del lago, forse legate alla sacralizzazione della Isla del Sol come luogo di pellegrinaggio".

Charles Stanish, un antropologo dell'Università del Sud della Florida e un altro degli autori dello studio, ha sottolineato che le processioni rituali facevano parte dell'apparato statale e dei suoi meccanismi per ottenere la cooperazione dei suoi cittadini.

"Il rituale e la religione hanno avuto una profonda importanza negli stati antichi, hanno strutturato la vita della gente, l'economia, l'intera società".

 

Siccità


Diversi studi suggeriscono che il crollo di Tiwanaku sia dovuto al deterioramento delle condizioni climatiche e ambientali che hanno generato perdite nel sistema di produzione agricola, ha spiegato Capriles.

Isla del Sol sul lago Titicaca. Nelle vicinanze si trova la barriera corallina di Khoa, in una posizione strategica quasi nel centro geografico del lago.

"È probabile che le istituzioni politiche e religiose che hanno coinvolto rituali come quelli svolti a Khoa non siano stati in grado di prevenire una maggiore frequenza di siccità e, di conseguenza, abbiano perso la legittimità su una base sempre più condizionata dal rischio ambientale".

Per Capriles, "il progetto di archeologia subacquea sul Lago Titicaca che il Dr. Christophe Delaere sta gestendo con successo ci sta permettendo di ampliare significativamente la nostra comprensione delle società precolombiane sviluppate nel bacino del Lago Titicaca, esplorando le vestigia lasciate da questi società e che sono attualmente sott'acqua ".

fonte